Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, adottata la proposta di Piano provinciale

08/11/2017  - 

Discusso nel corso della recente Conferenza Provinciale scolastica, tenutasi presso l’aula consiliare della Provincia di Oristano, la proposta del Piano di Dimensionamento scolastico 2018 – 2019 è stato approvato e quindi trasmesso all’Assessorato regionale alla Pubblica Istruzione, che ora dovrà valutarlo, recepirlo oppure apportarvi modifiche.

Alla conferenza hanno partecipato l’amministratore straordinario della Provincia di Oristano, Massimo Torrente e il dirigente del servizio pubblica istruzione, Annalisa Iacuzzi, il Dirigente del MIUR Ufficio VIII - Ambito territoriale di Oristano, Mariangela Cocco, i sindaci o delegati dei comuni di Palmas Arborea, Santa Giusta, Uras, Nurachi, Oristano, Sedilo, Mogorella, Seneghe, Ghilarza, Milis, Scanu di Montiferro, Abbasanta (in rappresentanza dei sindaci dell'Unione dei Comuni Guilcer) e il vice presidente dell’'Unione dei Comuni dell'Alta Marmilla. Hanno partecipato, inoltre, dirigenti scolastici e i rappresentanti sindacali di CISL SCUOLA e GILDA.

Nella discussione sugli aspetti generali del sistema scolastico provinciale, è emerso un quadro fortemente critico, se non drammatico, legato alla continua diminuzione delle nascite, rilevata dai dati dei nati dal 2011 al 2015, con le pesanti conseguenze che ne derivano, in particolare per i piccoli comuni. In questo senso, il progressivo accorpamento delle scuole nei grossi centri, che si sta mettendo in atto in questi anni, va ad accentuare il già grave fenomeno di spopolamento dei piccoli comuni.

Come già negli anni precedenti, la Conferenza ribadisce con forza la necessità che la Regione adotti nuovi criteri per il dimensionamento scolastico e, in linea con la posizione dell’Anci Sardegna, viene richiamato il principio di autonomia dell’art. 4 dello Statuto sardo, necessario per costruire un sistema d’istruzione di qualità, innovativa e avanzata, adatta alle caratteristiche insediative, geografiche e infrastrutturali della Sardegna. Si parli di “rafforzamento” dell’istruzione, dunque, anziché di “dimensionamento”, di “aperture” e non di “chiusure”, questo è il pensiero dell’Anci rilanciato dai sindaci della Conferenza provinciale.

In merito, invece, agli aspetti specifici del piano di dimensionamento, sostanzialmente viene approvata la proposta presentata dalla Provincia di Oristano, con l’unica eccezione per l’istituzione di un Istituto Globale a Ghilarza, sulla quale l’amministratore straordinario Torrente, pur condividendo la richiesta dei territori, ritiene dovessero esprimersi con un intervento politico i prossimi amministratori dell’Ente, soprattutto per il fatto che, con questa scelta, verrà messa a rischio l’autonomia del Liceo Scientifico Mariano IV di Oristano.

Questi i punti approvati all’unanimità dalla Conferenza provinciale:

1)      Richiedere alla Regione Autonoma della Sardegna nell’ambito della sua autonomia riconosciuta dall’art. 4 dello Statuto Sardo, l’adozione di una legge regionale che stabilisca diversi parametri per la concessione di PES e  dell’ autonomia scolastica, più rispondenti alla realtà della Sardegna.

2)      Modificare il piano di dimensionamento vigente per le scuole della Provincia di Oristano come segue:

a)      Istituzione di un istituto Globale ad Ales ricomprendente I.C di Ales e la sezione staccata di Ales dell’Istituto superiore S.A. De Casto di Oristano e, in subordine, qualora non venga concessa dalla Regione l’istituzione del Globale, l’accorpamento della sezione staccata di Ales dell’Istituto superiore S.A. De Castro di Oristano all’Istituto Othoca di Oristano;

b)      Istituzione di un Istituto Globale a Ghilarza ricomprendente l’I.C. di Ghilarza e la Sezione staccata di Ghilarza dell’Istituto Mariano IV di Oristano. Scorporo, subordinato alla  creazione dell’Istituto globale, della sezione staccata di Sedilo che viene accorpata all’I.C. di Abbasanta. Conservazione dell’autonomia dell‘I.C. di Ghilarza, nel caso in cui non venga accolto la proposta d’istituzione dell’Istituto Globale;

c)       Mantenimento dell’autonomia all’Istituto Comprensivo n 1 di Oristano;

d)      Richiesta di attivazione di due nuovi punti di erogazione scolastica per l’educazione degli adulti  nei comuni di Mogoro e Terralba come richiesto dal CPIA di Oristano.

e)      Modifica del codice meccanografico attribuito all’Istituto S.A. De Castro relativo al corso presso l’istituto carcerario, che è ancora individuato con il codice meccanografico dei corsi serali.

I dati contenuti nel Piano sono stati elaborati tenendo conto delle informazioni fornite dagli uffici territoriali del MIUR e dagli istituti scolastici del territorio.

Piano di dimensionamento scolastico 2018-2019