Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Accertamento della conformità dei pozzi domestici esistenti

La procedura di accertamento è avviata dietro formale istanza presentata dal proprietario del fondo o dall’affittuario/usufruttuario, previa espressa delega rilasciata dal proprietario del fondo, su cui insiste il pozzo.

 

PROCEDIMENTO

Il procedimento si conclude entro 90 giorni dalla data di acquisizione della domanda al protocollo generale della Provincia di Oristano con un provvedimento espresso di autorizzazione, diniego o improcedibilità dell’istanza.

Nel caso in cui la domanda sia considerata procedibile, tramite raccomandata A/R o PEC, la Provincia:

  • comunica al richiedente l’avvio del procedimento e la nomina del Responsabile del procedimento nei modi previsti dall’art. 8 della Legge n. 241/1990 e s.m.i.;
  • richiede la pubblicazione della domanda e del progetto all’Albo Pretorio del Comune territorialmente competente sul quale ricade la ricerca, per una durata di 15 giorni, specificando il termine entro il quale si possono presentare le osservazioni e le opposizioni. Nella richiesta di pubblicazione saranno precisati l’ufficio presso il quale è possibile prendere visione degli atti e il relativo orario, nonché il nominativo del responsabile del procedimento;
  • richiede il parere all’Ass.to all’Industria della R.A.S. ai sensi del comma 3, art. 95 del R.D. n.1775/33. Tale parere deve rendersi entro 30 giorni dalla data di ricezione della richiesta, in caso contrario si applica il silenzio assenso;
  • laddove il Servizio accerti la mancanza o l’irregolarità della documentazione ne richiede l’integrazione. L'interessato deve fornire al Servizio richiedente la documentazione mancante entro 30 (trenta) giorni consecutivi dal ricevimento della richiesta di integrazione. Trascorso tale periodo senza che l'interessato provveda a quanto richiesto, ovvero entro l’ulteriore termine di proroga concesso a seguito di richiesto e motivato ritardo, o nell'ipotesi in cui i documenti integrativi siano insufficienti o carenti o comunque non esaustivi rispetto alle richieste formulate, l'Amministrazione, con provvedimento motivato, dichiara l'improcedibilità della richiesta di autorizzazione. Il provvedimento è notificato, tramite raccomandata A/R al richiedente.

 

DOCUMENTAZIONE

L’istanza per il rilascio della autorizzazione, redatta utilizzando la modulistica ufficiale della Provincia, deve essere indirizzata alla Provincia di Oristano – Settore Ambiente e Suolo, Servizio Acque, Igiene, Profilassi e Valorizzazioni Ambientali, Via Carducci n°42, 09170 Oristano, deve essere redatta in bollo e corredata della seguente documentazione:

  • n. 1 copia della domanda in bollo;
  • n. 1 copia della planimetria catastale in scala pari a quella della canapina originale, con l’ubicazione dell’intervento;
  • n. 1 copia della corografia in scala 1:25.000 con l’ubicazione dell’intervento;
  • n. 1 copia della C.T.R. 1:10.000 con l’ubicazione dell’intervento con sovrapposizione della perimetrazione relativa al vincolo P.A.I.;
  • n. 1 copia della planimetria generale del terreno in scala 1:100/200 riportante:
    • il posizionamento del pozzo;
    • l'ubicazione del fabbricato e dell'eventuale punto di scarico;
    • le distanze del pozzo dai confini, da eventuali strade e punti di scarico;
  • n. 1 copia di relazione geologica ed idrogeologica redatta da un tecnico abilitato solo per le istanze di accertamento di pozzi che insistono nei territori dei Comuni di cui alla Direttiva dell’Assessorato dei Lavori Pubblici n.15391/15 A.P. del 13.07.1989 o nelle zone ricadenti in area P.A.I. di cui al punto successivo;
  • dichiarazione di non insistenza del pozzo in zona di rischio idrogeologico (P.A.I.) o in eventuali altre aree protette e/o sottoposte a vincolo e di insussistenza di rete idrica;
  • n. 1 copia dello studio di compatibilità idraulica e/o geologica-geotecnica (esclusivamente per i pozzi realizzati in aree a pericolosità idrogeologica delimitate dal Piano per l'Assetto Idrogeologico);
  • copia autorizzazione allo scarico o dichiarazione attestante l’insussistenza di scarico di acque reflue;
  • dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà relativamente alla proprietà del fondo con copia del documento di riconoscimento in corso di validità o scrittura privata autenticata tra il proprietario del fondo ed il titolare della “richiesta di accertamento”;
  • dichiarazione di autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e ss.mm.ii.;
  • n. 1 marca da bollo da apporre sul provvedimento di autorizzazione;
  • attestazione del versamento per spese di istruttoria e sopralluoghi, sul c/c n. 11014099, o sul C/C N. 32000 Iban IT58 L083 6217 4000 0000 0032 000 presso la Banca di credito cooperativo di Arborea, causale: “Spese generali di istruttoria autorizzazioni/concessioni pozzi“ , intestato alla Provincia di Oristano – Servizio Tesoreria.
  • copia del documento di identità del richiedente e del tecnico incaricato, in corso di validità.
  • copia su cd-rom o altro supporto elettronico, in formato PDF, dei seguenti elaborati:
    • documentazione integrale presentata;
    • documentazione fotografica;
    • shape-file relativo alla ubicazione georeferenziata del punto di ricerca.