Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Consiglio, voto contrario alle ricerche di idrocarburi ad Arborea

20/07/2012  - 

Il Consiglio provinciale di Oristano esprime con un applauso la propria soddisfazione per il rilascio di Rossella Urru, attesa, quando sarà possibile, nell’Aula consiliare dove ancora campeggia lo striscione in cinque lingue “Rossella Libera”.

Inizia così, ricordando anche la strage di via d’Amelio, la seduta del Consiglio provinciale di Oristano, riunito giovedì 19 luglio, per discutere un ordine del giorno della commissione Ambiente, col quale si esprime contrarietà al Progetto Eleonora per le ricerche di idrocarburi nel territorio del comune di Arborea.

A conclusione di una lunga seduta, con l’argomento introdotto dal presidente della Commissione, Bepi Costella e dalla lettura di un documento da parte del rappresentante di un comitato di cittadini, con voto unanime dei presenti, il Consiglio si è pronunciato contro il progetto di trivellazioni nel territorio del comune di Arborea.

Dibattito concluso dal presidente della Giunta Massimiliano de Seneen, il quale, pur approvando l’ordine del giorno, ha precisato che occorre tenere conto delle espressioni di volontà da parte delle popolazioni interessate, che in questo caso hanno espresso contrarietà, supportate dalle delibere di rispettivi Consigli comunali: Arborea, Marrubiu, S.N.Arcidano, ma anche di quei Comuni che a suo tempo avevano manifestato interesse. In ogni caso i passaggi finali sono legati alla Valutazione d’Impatto Ambientale e alla volontà delle comunità interessate.

Il dibattito in Aula, pur con sfumature e spunti diversi, ha sostanzialmente rigettato il progetto delle trivellazioni attraverso gli interventi del presidente del Consiglio Mauro Solinas, Salvatore Crobu dell'UDC, Efisio Trincas del PSd’AZ, l’assessore Gianni Pia, Sebastian Madau di ProgReS, Stefano Figus dell'IDV, Cristiano Carrus e Egidio Loi del PDL, Alfredo Mameli di Fortza Paris, Battista Ghisu, Mario Tendas, Francesco Federico e Roberto Scema del PD.