Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Da sabato 21 luglio il Piano di Salvamento a mare estate 2012

19/07/2012  - 

Partirà da sabato 21 luglio la Campagna di Prevenzione “Tutti al mare.....ma con prudenza” predisposta anche per questa stagione estiva dall’Assessorato all’Ambiente e Protezione Civile della Provincia di Oristano, in collaborazione con la Capitaneria di Porto, i Comuni costieri di Arborea, Cabras, Cuglieri, Magomadas, Narbolia, Oristano, Santa Giusta e Tresnuraghes, il servizio del 118, l'Associazione Volontari Protezione Civile di Marrubiu e l'associazione "Oristano Soccorso". Il piano è stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella sala giunta della Provincia di Oristano, nella quale sono stati illustrati i dettagli operativi di una campagna di prevenzione che avrà la durata di 34 giorni.

"Un piano leggermente ridimensionato rispetto a quello dello scorso anno - ha premesso in apertura l'assessore provinciale all'Ambiente Emanuele Cera - le risorse disponibili sono sempre meno e questo condiziona fortemente l'organizzazione del servizio di salvamento a mare. In ogni caso, siamo riusciti a realizzare un piano rispondente all'esigenza di sicurezza sulle spiagge dell'oristanese"

Una importante novità accompagna il piano della stagione estiva 2012, rivolta alle persone con disabilità. Dando corso ad una iniziativa promossa dalla Conservatoria delle Coste della Sardegna, il progetto P.E.R.L.A., un programma di cooperazione transfrontaliera Italia - Francia Marittimo 2007 - 2013, la Provincia realizzerà nella spiaggia di Torre Grande dei camminamenti per il collegamento tra la strada e il bagnasciuga percorribili anche dalle persone disabili, che potranno disporre anche di due speciali sedie a rotelle che consentiranno l'ingresso in acqua dei disabili con la supervisione dei bagnini impegnati nel servizio di salvamento a mare.

Sono ormai più di vent'anni che la Provincia garantisce la sicurezza dei bagnanti lungo le spiagge dei nostri litorali. Un servizio che soprattutto negli ultimi anni ha beneficiato di importanti sinergie come quella avviata con la Capitaneria di Porto, che garantirà la presenza giornaliera di 4 motovedette e di un gommone veloce, come ha specificato il sottoufficiale presente alla conferenza stampa, integrando il servizio a terra con l'intervento direttamente dal mare.

"Pur non avendo competenza diretta, l'esperienza ed i positivi risultati del lavoro svolto in questi anni hanno fatto sì che anche quest'anno i Comuni abbiano voluto riconoscere alla Provincia il ruolo di coordinamento - ha voluto precisare l'assessore Cera - ed il piano è stato predisposto in piena condivisione con loro."

La disponibilità di un defibrillatore per gli interventi di primo soccorso è stata segnalata dal sindaco del Comune di Arborea, Pierfrancesco Garau, presente alla conferenza insieme all'assessore del Comune di Tresnuraghes e ad altri rappresentanti dei comuni interessati.

Il servizio di salvamento partirà il prossimo sabato 21 luglio e proseguirà ininterrottamente sino al 19 agosto, sarà assicurato anche nell'ultimo fine settimana di agosto (il 25 e 26), quindi chiusura con il weekend del 1 e 2 settembre. Il costo dell’operazione è di oltre 150 mila euro, alla quale concorrono anche i comuni costieri attraverso un quota dei fondi messi a disposizione della Regione Sarda.

Le postazioni attivate saranno 25, ognuna presidiata da due assistenti bagnanti, che garantiranno la presenza giornaliera dalle ore 9 del mattino sino alle 19 di sera. Riguardano le spiagge della marina di Magomadas, di Porto Alabe, di Santa Caterina di Pittinuri, S’Archittu, Is Arenas (chiosco e campeggi), di Is Aruttas, Mari Ermi, Maimone, di San Giovanni di Sinis (torre, scalini e spiaggione), di Torre Grande, di Sassu, della marina di Arborea.
Interventi assicurati con l’impiego di 50 assistenti bagnanti in possesso di regolare brevetto e postazioni dotate di torrette di avvistamento, ombrelloni, gazebo, pattini, valigette di primo soccorso, body board, binocoli, rulli con cime di salvataggio, pinne, fischietti, radio VHF per garantire il contatto con le unità a mare della Capitaneria.

Sarà utile strumento anche la cartina turistica della provincia di Oristano, che - come ha anticipato l'assessore provinciale al Turismo Gianfranco Attene - "è in fase di ultimazione e nella quale sarà indicato il territorio ed i siti delle postazioni di salvamento a mare, stampata in due lingue con tutte le informazioni utili per usufruire dei servizi e delle opportunità presenti nel territorio".
In chiusura, l'appello dell'assessore Attene rivolto ai turisti e bagnanti: "l'augurio è quello che trascorrano una bellissima e indimenticabile vacanza nei nostri mari, ma sempre con prudenza".