Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Infestante degli eucaliptus, funziona la lotta biologica

13/07/2012  - 

Inizia a dare i primi frutti la lotta biologica naturale contro la Psilla, l'infestante degli Eucaliptus che stava mettendo a rischio le piante in diverse aree della Sardegna e in particolar modo, nella nostra provincia, nel territori del terralbese.

I primi positivi riscontri del trattamento biologico con l'antagonista naturale della Psilla, il Blietus Psyllaephagus sono stati presentati dalla Facoltà di Agraria dell'Università di Sassari, che ha predisposto il piano d'intervento, nel corso di un Tavolo Tecnico Entomologico che si è tenuto lo scorso 11 luglio a Cagliari, presso l'assessorato regionale all'Ambiente.
Dai rilevamenti effettuati nelle 12 stazioni di monitoraggio che sono state installate nel territorio sardo, di cui una anche in località S’Anna, infatti, l'Università ha rilevato che il Bliteus Psyllaephagus si è diffuso anche in Sardegna e si sta rapidamente riproducendo nelle aree infestate in cui ha trovato l’habitat e il nutrimento ideale.
Le piante di eucaliptus stanno, così, già beneficiando del trattamento biologico, si stanno rinverdendo e sembrerebbe che l’infestazione si stia bloccando. A breve si dovrebbe manifestare anche l’infiorescenza e tutti i positivi risultati finora raggiunti fanno ben sperare in una completa risoluzione dell'infestazione.

La decisione sul rilascio dell'antagonista naturale della Psilla quale trattamento più appropriato per combattere l'infestazione era stata assunta nel corso dei precedenti incontri del Tavolo Tecnico Regionale, tanto che era in fase inoltrata l'istanza da presentare al Ministero per ottenere l’autorizzazione a riprodurre in laboratorio l’insetto e liberarlo nelle aree infestate.
D’altra parte il Bliteus era già presente in altre parti d’Italia in cui si era manifestata l’infestazione degli eucaliptus, soprattutto in Sicilia dove era già sotto osservazione dalle associazioni di apicultori.

Recente anche la scoperta della presenza di questo antagonista nel territorio di Uta e di questo l'assessore all'Ambiente Emanuele Cera aveva personalmente informato il Ministero delle Politiche Ambientali, così da velocizzare i tempi per la concessione dell'autorizzazione necessaria all'avvio alla lotta biologica.
Questo ha permesso l'avvio del piano di intervento regionale, che non prevederà azioni mirate al monitoraggio, allo studio degli effetti derivanti dal proliferare dell’antagonista e alla riproduzione in laboratorio del Bliteus, qualora fosse necessario operare delle introduzioni mirate ad integrazione dell’azione naturale.

"Una boccata di ossigeno per gli apicoltori e per gli operatori del comparto agro-zootecnico di Arborea", ha commentato l'assessore provinciale all'Ambiente, Emanuele Cera, "aziende che hanno subito ingenti danni dalla presenza di questo parassita, che ha fortemente limitato la produzione degli apicoltori dell'oristanese."