Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Oristano dalle origini alla IV Provincia

03/04/2012  - 

Nella fase attuale, in cui il Governo centrale ed una compagine politica regionale ha messo in discussione ruolo ed esistenza delle Province, quella di Oristano ha voluto ribadire la validità storica dell’Ente e la sua ragione d’essere nell’ambito di una riforma già definita attraverso il titolo V della Costituzione. 

Lo ha fatto ieri nell’Aula consiliare di via Carboni, attraverso un incontro nel corso del quale è stato presentato il primo volume degli atti del convegno internazionale “Oristano dalle origini alla IV Provincia”, promosso nel 2004 in occasione del trentennale di istituzione. Il 2 aprile assume quest’anno una valenza particolare in quanto, ai sensi dell’art. 27 dello statuto dell’Ente, “la Provincia celebra la sua festa il lunedì precedente la Pasqua, in ricordo della promulgazione della Carta De Logu”.

Ai lavori con il presidente della Provincia, hanno preso parte Antonello Ghiani Commissario del Comune capoluogo, il consigliere regionale ed ex presidente della Provincia Mario Diana, promotore del convegno svoltosi nel 2004, Attilio Mastino Rettore dell’Università di Sassari, Raimondo Zucca e Pier Giorgio Spanu, storici e docenti dello stesso Ateneo.

In sala gli ex presidenti della Provincia Alfredo Stara e Salvatore Micali, l’ex vicepresidente e sindaco di Arborea Pierfrancesco Garau, il presidente del Consiglio provnciale Mauro Solinas, l'assessore provinciale Emanuele Cera, il consigliere Bepi Costella, l’arcivescovo di Oristano mons. Ignazio Sanna, il prefetto Giovanni Russo, il questore Piernicola Silvis i comandanti dei Carabinieri Giulio Duranti, della Guardia di Finanza Anselmo Mocci e altre autorità tra le quali diversi sindaci.

Il presidente della Provincia ha ricordato, quale ex consigliere, i passaggi che avevano portato alla individuazione della data e della motivazione compiuti unitamente al consigliere Salvatore Bonesu. Tracciando una sintesi storiografica, il presidente della Giunta ha ricordato che la fase più incisiva nella storia dell’autonomia e dell’autogoverno delle popolazioni dell’Oristanese è ascrivibile a quella giudicale che visse il periodo di maggiore splendore.

Questo percorso, già offuscato dalla dominazione catalano-aragonese, in ombra anche nel periodo storico successivo, ebbe un risveglio all’indomani del secondo conflitto mondiale con vicissitudini varie sino al luglio del 1974 con l’approvazione del decreto che istituiva in Oristano la IV Provincia sarda.

"Ora questo percorso rischia di essere nuovamente interrotto" ha detto il presidente della Provincia "e l’impegno, rafforzato anche del disposto del Titolo V della Costituzione, è di evitare che questo avvenga né oggi, né domani, ne mai".

Il Commissario del Comune di Oristano Antonello Ghiani ha riferito della sua esperienza sostenendo di non avere motivi per esprimere un giudizio negativo sulla sua permanenza ad Oristano, mentre Mario Diana, nella sua qualità di ex presidente della Provincia , ha ripercorso le tappe che portarono alla realizzazione del primo convegno internazionale, svolto su sollecitazione e il coinvolgimento dell’Università di Sassari.

Il preside dell’Ateneo sassarese Attilio Mastino e gli storici Romolo Zucca e Piergiorgio Spanu si sono soffermati sui contenuti del volume pubblicato e sul prossimo dedicato al Medioevo sino ai giorni nostri.