Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Province, incontro con le organizzazioni sindacali

29/08/2012  - 

Il NO alla cancellazione della Provincia di Oristano è stato ribadito anche stamane nel corso dell’incontro promosso dalla presidenza del Consiglio provinciale, ospitato nella sala della Giunta, sotto l’imponente quadro di Giorgio Farris, che rievoca la cacciata dei francesci nella battaglia combattuta alla periferia di Oristano nel 1637 sotto il colle della basilica romanica di Santa Giusta.

Ma a cancellare la principale delle istituzioni non bastano i titoli di un passato significativo, molti si chiedono quanti, nel Consiglio dei Ministri, conosca la storia e le peculiarità dell’Isola di Sardegna posto che Camera e Senato, con il tacito consenso dei deputati e senatori eletti in Sardegna, hanno approvato i provvedimenti che, al momento, nell’Isola, la sola Provincia indicata resta quella di Cagliari.

Un assurdo che certo troverà una sanatoria nel corso del dibattito e del confronto in atto, ma occorre vedere come e in che modo.

Ad esempio, anche da parte di qualche sindacalista, Angelo Medde della UIL ad esempio, il parere era quello di cancellare tutte le Province ma se questo non avviene Oristano deve mantenere il suo status, posizione che riecheggia quella del sindaco di sindaco del Capoluogo Guido Tendas.

Insomma il circuito degli incontri promossi dalla Provincia mette in evidenza e rivela che la ventilata soppressione o declassamento dell’Ente ad un secondo livello di funzioni (strade scuole, ambiente,trasporti,pianificazione), vuol dire tutto e niente se non supportato da risorse finanziarie che alle Province sono sottratte in continuazione.

Ma la spoliazione di tutto il sistema dei servizi e dei presidi dello Stato è l’altro aspetto che preoccupa le Organizzazioni sindacali, aspetti che con fermezza, dopo l’introduzione dei lavori da parte del presidente del Consiglio provinciale Mauro Solinas e del vicepresidente Battista Ghisu, sono stati ribaditi da Antioco Patta e da Roberta Manca, segretari territoriali della CISL e CGIL e dalla delegazione dei sindacalisti composta da Salvatore Usai della Funzione Pubblica CISL, Roberto Mario Picchedda della UILPA e Michele Zucca della Funzione Pubblica UIL, Duilio Sanna dell'UGL, che, a nome delle categorie di appartenenza, hanno espresso adesione ad iniziative che devono essere comunque più incisive e destinate a coinvolgere le rappresentanze politiche e parlamentari del territorio, il Consiglio delle Autonomie Locali e il Consiglio Regionale.

All’incontro, che vedrà i sindacati ancora protagonisti venerdì 31 agosto nella seduta del Tavolo della Concertazione, nella qualità di attenti uditori hanno preso parte anche i consiglieri provinciali Marcello Serra del MPA, Sebastian Madau di ProgReS, Francesco Federico del PD, Renzo Ibba dell'UDC, Serafino Oppo del PDL, Andrea Casu dei Riformatori, Angelo Mele del Gruppo Misto, e gli assessori Gianni Pia e Gianfranco Attene.