Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Rete Territoriale per il Lavoro, progetto IES

07/07/2011  - 

Presentata presso la Sala Consiliare della Provincia di Oristano, ai Sindaci del territorio del CSL di Oristano, agli attori istituzionali ed alle associazioni di categoria, la “Rete Territoriale per il Lavoro – R.T.L.”.
Ad introdurre il percorso che porterà alla costituzione di una Rete Territoriale per il Lavoro, l’Assessore Alessandro Murana, che ha voluto ricordare la partecipazione della Provincia di Oristano, in qualità di partner, a IES - Implementing Employment Service, progetto di cooperazione territoriale europea, che ha come principale obiettivo il miglioramento delle politiche del lavoro tramite lo scambio, la condivisione e il trasferimento di esperienze tra i Sistemi dei Servizi per il Lavoro dei Paesi europei coinvolti.

“Il Progetto IES, ha sottolineato Alessandro Murana, ha costituito un’importante occasione per conoscere l’organizzazione del Mercato del Lavoro in altre nazioni e, al contempo, riflettere sull’organizzazione del mercato locale”.
“Dall’analisi del contesto territoriale della Provincia di Oristano, ha proseguito l’Assessore Murana, è emersa la necessità di porre in essere azioni forti e concrete per contrastare la crescente disoccupazione e la necessità di promuovere attività finalizzate alla crescita del tessuto economico”.

Pertanto, l’obiettivo principale del Progetto IES è la costituzione di una Rete Territoriale per il Lavoro – R.T.L., ideata al fine di raggiungere alti standard operativi nella programmazione e realizzazione di politiche attive del lavoro nel territorio provinciale, di ottimizzare le risorse poste in campo dagli attori pubblici e privati operanti nel mercato del lavoro ed evitare la frammentazione e duplicazione degli interventi.
“L’Adesione alla Rete Territoriale per il Lavoro, ha concluso Alessandro Murana, è libera e non comporterà oneri finanziari per gli aderenti, ma consentirà di rendere stabili e durature le relazioni tra gli attori istituzionali e stimolare costantemente i processi di sviluppo e le nuove opportunità finanziarie in materia di lavoro, per offrire risposte concrete ai nostri giovani, ai disoccupati ed alle imprese”.