Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Sensibilizzazione per l'uso corretto del web

11/05/2012  -  Tematiche: Scuole

Le nuove tecnologie hanno cambiato le abitudini degli adolescenti italiani, un mondo nuovo di cui spesso si sottovalutano i possibili rischi.

Tra i rischi più preoccupanti si deve certo includere Internet e l’uso di cellulari, un sistema di comunicazione che spesso è utilizzato per l’invio di immagini e video a sfondo sessuale. Una recente indagine conoscitiva realizzata nelle scuole italiane ha fatto rilevare come il fenomeno sia molto più diffuso di quanto si pensi.

E' necessario che l'attenzione su questa problematica rimanga sempre alta ed è con questo intento che l'assessore provinciale alla Cultura, Pubblica Istruzione e Politiche Giovanili, Serafino Corrias ha inviato una lettera ai dirigenti scolastici delle scuole provinciali di ogni ordine e grado ed alle Consulte Giovanili della Provincia di Oristano, affinché possa maturare una giusta sensibilizzazione sull'uso corretto del web.

L'obiettivo è quello di creare una serie di azioni concrete ed un elevato livello di attenzione sull'alto rischio che corrono i bambini e gli adolescenti che quotidianamente utilizzano internet, chat e network. L'esposizione dei più indifesi costituisce una forte preoccupazione, condivisa con genitori, insegnanti, educatori e studenti.

Questo il testo della comunicazione.

In qualità di assessore Provinciale alla Pubblica Istruzione, Cultura e Politiche Giovanili, ho avuto modo spesso e volentieri di dialogare con insegnanti, studenti e genitori, con i quali abbiamo condiviso la preoccupazione del fenomeno inerente l'uso corretto del web.
In virtù di ciò mi permetto allora, di inviarvi una comunicazione al fine, se lo riterrete opportuno, di promuovere azioni concrete di sensibilizzazione sul problema.
I nuovi media, come internet, chat e social network, oramai fanno parte, prepotentemente della nostra quotidianità e se questo rappresenta certamente un fattore positivo per la loro capacità di aumentare esponenzialmente la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscitivi, vi è insito un elevatissimo rischio connesso per l'esposizione dei più piccoli.
A partire da questa premessa ritengo sia importante e fondamentale sensibilizzare sull'importanza di promuovere incontri mirati, da svolgersi nelle vostre scuole e nei contesti sociali ove operano le Consulte Giovanili. E' fondamentale evidenziare gli aspetti legati all'esposizione nella rete, in modo particolare proprio dei soggetti più “deboli”.
Per Vostra guida, mi permetto di fornire alcuni dati allarmanti e aggiornatissimi che non possono non far riflettere:

  • oltre il 40% dei giovani (la percentuale sale al 52 tra le ragazze) dichiara di essere stato approcciato in Internet, almeno una volta, da sconosciuti che hanno richiesto dati personali o fatto proposte indecenti. Nel 37% dei casi si tratta di minori di 15 anni;
  • 1/3 di chi ha avuto questi contatti ha continuato a chattare senza rivelare i propri dati;
  • la metà di coloro che hanno avuto questo genere di esperienze (52%) non ha fatto parola con nessuno, solo una piccola parte (15%) ne ha parlato con i genitori e un 4% ha accettato di corrispondere alle proposte ricevute;
  • Internet è ormai il mezzo di comunicazione più usato dei ragazzi, ma è anche quello il con il maggior numero di rischi soprattutto per ciò che concerne la pedopornografia on line: è alta, infatti, la possibilità di imbattersi in siti con contenuti non adatti ai minori e in persone che tentanto l'adescamento on line;
  • Nella nostra società è fondamentale che i genitori e i minori siano consapevoli dei rischi e delle insidie di internet per eliminarle o ridurre il loro impatto negativo.

CONSIGLI E CONCLUSIONI

  • Promuovere nelle scuole incontri con gli studenti e i docenti in orario scolastico, nel corso dei quali si discuteranno con i ragazzi le tematiche relative ad internet e al suo corretto utilizzo;
  • E' importante in ogni scuola, in orario pomeridiano/serale, organizzare incontri formativi per i genitori, durante i quali offrire aiuto e consigli agli adulti sull'utilizzo della rete e sui passi da compiere per tutelare i ragazzi.
  • Le Consulte Giovanili, che più rappresentano questo mondo sono invitate a promuovere nel loro ambito incontri tematici di sensibilizzazione.

Con la convinzione che su questo fronte l'impegno dovrà essere massimo da parte di tutte le istituzioni, colgo l'occasione per porgere distinti saluti.

Serafino Corrias