Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

Titolo della nuova notizia

21/10/2015  -  Tematiche: Lavoro

A partire dal prossimo 13 gennaio 2016 si apriranno i termini per la presentazione delle domande alla misura Autoimprenditorialità (decreto legislativo 185/2000, Titolo I).

Beneficiari. Possono beneficiare delle agevolazioni: 

  • le imprese di micro e piccola dimensione, costituite in forma societaria (comprese le cooperative) da non più di dodici mesi dalla data di presentazione della domanda, composte in maggioranza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne; 
  • compagini di persone fisiche non ancora costituite in forma societaria. In questo caso, v’è l’onere per le stesse di costituzione della società entro quarantacinque giorni dalla data di comunicazione del positivo esito della domanda.

Settori ammessi. Sono agevolabili le iniziative che prevedono programmi d’investimento nei seguenti settori: 

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli; 
  • fornitura di servizi; 
  • commercio di beni e servizi; 
  • turismo.

Possono essere ammessi i progetti presentati nei seguenti settori: 

  • filiera turistico-culturale; 
  • innovazione sociale.

Spese ammissibili. Sono ammissibili le spese relative all’acquisto di suolo aziendale, fabbricati (comprese le ristrutturazioni), macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica, programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, brevetti, licenze e marchi, formazione specialistica di soci e dipendenti, consulenze specialistiche.

Agevolazioni. Le agevolazioni sono concesse, sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello, ai sensi e nei limiti del regolamento de minimis, nella forma del finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di 8 anni, a copertura del 75 per cento delle spese.

L’impresa beneficiaria deve garantire la copertura finanziaria del programma di investimento apportando risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi tipo di sostegno pubblico, pari al 25% delle spese ammissibili complessive.

I programmi d’investimento devono prevedere spese non superiori a 1,5 milioni di euro.

Le domande di agevolazione, corredate dei piani di impresa e della documentazione potranno essere presentate al Soggetto gestore a partire dal giorno 13 gennaio 2016.

Le principali novità sono le seguenti:

  • si rivolge non solo ai giovani fino a 35 anni, ma anche alle donne indipendentemente dall’età; 
  • è applicabile non più nelle sole aree svantaggiate ma in tutto il territorio nazionale
  • non prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto, ma solo la concessione di mutui agevolati a tasso zero, per investimenti fino a 1,5 milioni di euro (per singola impresa); 
  • possono presentare la domanda di accesso alle agevolazioni le imprese costituite al massimo da 12 mesi; 
  • possibilità di presentazione della domanda anche da parte di persone fisiche che intendono costituire una società.

Le domande andranno inoltrate esclusivamente per via elettronica utilizzando la piattaforma informativa che verrà messa a disposizione nel sito internet di Invitalia.

Le risorse finanziarie destinate all’intervento sono quelle del Fondo rotativo del Ministero dell’economia e delle finanze presso il Soggetto gestore, Invitalia pari a 50 milioni di euro.

 

Per maggior informazioni

www.invitalia.it